I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [ Leggi dettagli ]

Link sponsorizzati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

CMS, Estensioni, Plugin, Moduli, Componenti, di cosa stiamo parlando?

Estensione


Per poter comprendere a pieno cosa sono e a che cosa servono le estensioni è necessario conosce il significato di CMS :

Un CMS (Content Management System), in italiano sistema di gestione dei contenuti, è uno strumento software, installato su un server web, il cui compito è facilitare la gestione dei contenuti di siti web, svincolando il webmaster da conoscenze tecniche specifiche di programmazione Web.


Un CMS è un sistema per gestire i contenuti del proprio sito web, di qualsiasi tipo esso sia: un blog, un sito web aziendale, un negozio online ecc ...
In pratica con un CMS è possibile definire i contenuti di un sito web e scegliere il layout e lo stile con cui presentarli applicando un opportuno tema.

I migliori CMS sono WordPress, Joomla e Drupal.

Con un CMS si risolvono diverse problematiche comuni:

  • inserimento di nuovi contenuti in autonomia da parte di personale non tecnico;
  • la semplice profilazione degli utenti e dei permessi: chi può fare cosa;
  • aggiunta di componenti specifici: calendari, form di contatto, mappe, gallerie di immagini, ecc ...


Nella stragrande maggioranza dei casi Joomla, WordPress e Drupal vanno bene già come sono o con le estensioni gratuite già disponibili.

Ogni funzionalità offerta da un CMS è resa disponibile attraverso un componente software o estensione. Alcune di queste estensioni sono il cuore del CMS come ad esempio la "gestione dei contenuti" e la "gestione degli utenti". Altre possono essere aggiunte in un secondo momento.

Ogni estensione se installata e configurata porta nuove funzionalità come ad esempio:

  • la possibilità di aggiungere gallerie di immagini;
  • la possibilità di creare un forum all'interno del sito;
  • la possibilità di creare una sezione del sito con contenuti multimediali;
  • la possibilità di mostrare sul proprio sito un calendario con i propri eventi;
  • la possibilità di aggiungere le funzionalità di e-commerce al proprio sito;
  • ecc ...


A seconda del CMS le estensioni hanno nomi diversi:

  • nel CMS Joomla vengono divise in: "moduli", "componenti" e "plugin";
  • in Wordpress vengono chiamate "plugin";
  • in Drupal invece ci sono i "moduli";


Per ogni CMS è possibile consultare la lista delle estensioni andando al relativo sito, di seguito i principali:


Solo per Joomla abbiamo ben tre differenti tipi di estensioni, seguono i dettagli:

  • Componenti.
    I componenti di Joomla sono estensioni specifiche che permettono di aggiungere funzionalità complesse.
    I componenti differiscono dai moduli essenzialmente per il livello di complessità supportato. Tradizionalmente, i moduli vengono utilizzati per implementare funzionalità elementari mentre i componenti possono aggregare più moduli per realizzare funzionalità più complesse e più complete. In generale, l'aggiunta di un componente corrisponde all'aggiunta di un'intera sezione al sito dove viene installato.
  • Moduli.
    I moduli sono estensioni che permettono l'aggiunta di piccole porzioni di HTML. Sono usati per mostrare elementi di informazione o funzionalità interattive all'interno di un sito, in maniera collaterale al contenuto principale. Si possono considerare come finestre aggiuntive attraverso le quali dare informazioni non necessariamente correlate alla pagina visualizzata, magari per mostrare le altre funzionalità del sito.
  • Plugin.
    Il lavoro svolto dai plugin si può certamente definire "nascosto" perchè, a differenza dei moduli, che sono elementi del CMS sempre in vista e con funzioni pratiche e semplici, per i plugin accade esattamente il contrario; infatti essi svolgono le proprie mansioni in maniera discreta, efficiente e trasparente agli utenti, regolando e potenziando particolari funzioni del CMS del tutto essenziali. I plugin inseriscono Flash, Javascript e/o CSS su tutto il sito.
    Un plugin (che in Joomla 1.0 si chiamava mambot), in parole più semplici, sono script che si aggiungono al codice base di Joomla per modificare, ampliare e migliorare le sue funzioni.


Un'estensione per un CMS una volta installata è parte integrante del sito. Questo vuol dire che un'estensione dalla dubbia affidabilità può compromettere la stabilità e la sicurezza di un sito web.

Quindi quando si sceglie una estensione è bene verificare i seguenti punti:

  • quante volte è stata scaricata o installata l'estensione?
  • che recensioni e/o voti ha ricevuto?
  • chi è lo sviluppatore dell'estensione?
  • a quando risale l'ultima versione?
  • c'è un forum di supporto/supporto commerciale?
  • c'è un bug tracker dove poter indicare i bug dell'estensione?
  • quanti problemi/bug aperti ci sono?


In generale è utile anche fare qualche ricerca per verificare se presenta dei problemi di sicurezza, esempi di ricerche potrebbero essere: "Nome estensione security issues", "Nome estensione exploit", "Nome estensione vulnerabilities", ecc ...


I vantaggi nella scelta di un CMS rispetto a un sito creato “a mano” sono i seguenti :

  • abbatte i costi: è gratuito e fa già molte cose;
  • rende il Cliente autonomo nella gestione dei contenuti del proprio sito;
  • consente l’aggiunta di estensioni man mano che se ne ha la necessità potendo contare su centinaia di componenti già pronti e in molti casi gratuiti;
  • grazie alla separazione tra i contenuti e la presentazione degli stessi, permette di cambiare tema (cioè la resa grafica) in maniera indolore e anche in questo caso ci sono centinaia di temi gratuti o professionali;
  • è utilizzato da milioni di utenti e quindi è più testato di quanto non potrà mai essere qualsiasi soluzione “artigianale”.


Se decidi di voler utilizzare un CMS tieni presente che:

  • WordPress è il più usato in assoluto e il più facile da utilizzare poiché si rivolge principalmente a chi vuole gestire un blog o un sito web personale;
  • Joomla è più strutturato di WordPress in quanto si rivolge principalmente alle aziende, anche se è un po’ più difficile da utilizzare rispetto a WordPress;
  • Drupal è quasi un meta-CMS nel senso che di default non fa nulla, ma fornisce i mattoncini per plasmare il proprio sito nel modo più libero possibile. Naturalmente questa maggiore libertà si paga con un maggiore sforzo iniziale di configurazione.
Ho scritto e condiviso questo articolo su WORCOM, fallo anche tu. Invia ora un nuovo articolo!
Autore: Antonio Liggieri
Esperto di computer e in sicurezza informatica, webmaster, webdesigner, webdeveloper e webmarketer. Sono il fondatore di WORCOM. Amo l'informatica, le arti marziali e il bodybuilding.


Ho anche scritto:

Link sponsorizzati