I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [ Leggi dettagli ]

Link sponsorizzati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

AcTool. Molti di voi (forse tutti) non sanno nemmeno cosa sia. Beh, ve lo spiego io in 3 guide semplici. 

Che cos'è?
E' un semplice programmino che ci permette di creare delle MACRO, attraverso pochi comandi.
E' sprovvisto di compilatori (dunque non è possibile creare degli eseguibili .exe), però la MACRO che creiamo può essere salvata, così da poter attivarla in 3 semplici click.

In questo caso, i termini MACRO e BOT sono pressoché sinonimi.
Nelle terminologie legate a Internet, il termine bot (abbreviazione di robot) si riferisce, in generale, a un programma che accede alla rete attraverso lo stesso tipo di canali utilizzati dagli utenti umani. In poche parole, ciò che generiamo è capace di svolgere dei compiti ben precisi senza la nostra presenza fisica davanti il pc.


Interfaccia grafica

 AcTool


Al centro della schermata avete lo sfondo bianco dove è possibile inserire le stringhe per la creazione delle nostre MACRO.
In basso a destra potete vedere il pulsante "Start": al termine dell'inserimento delle vostre stringhe, è possibile avviare il BOT da quel bottone. Automaticamente, non appena premete quel tasto, il tasto "Pause" si abiliterà e al posto di Start comparirà "Stop": servono rispettivamente a mettere in pausa e fermare definitivamente la MACRO.
Sulla destra abbiamo la lista dei "Commands and Macros": è da lì che è possibile imparare i comandi e i loro utilizzi specifici (anche se nel menù a tendina "Help" in alto si trova una guida più dettagliata).

Occorre spiegarvi inoltre che quando inseriamo correttamente un comando, esso si colorerà di rosso; in caso contrario rimarrà nero. Quando invece inseriamo un semplice valore o una costante, il testo rimarrà perennemente nero: dunque non vi preoccupate!
Infine, se nella vostra MACRO volete scrivere una sorta di "descrizione", deve essere preceduta da //. In questo caso il testo si colorerà di verde per indicare il tipo di stringa informativa.

Esempio:

keys salve //scriverete la parola salve


Comandi

Adesso cominciamo con un paio di comandi basilari:

Keys. Lo abbiamo già conosciuto sopra. Corrisponde alla pressione dei tasti sulla tastiera. Dopo di esso va messo ciò che si vuole premere. Dunque funziona sia un numero, che una lettera, ma anche una frase intera.

Esempio:

keys ciao //scriverà ciao


Loop. E' il comando che serve per far ripetere un'azione di un processo quante volte si vuole. Dopo loop segue un numero, il numero delle volte.

Esempio:

Loop 5 //per far ripetere il processo 5 volte


End. Dalla traduzione inglese, corrisponde alla fine di un processo.


Restart. Dalla traduzione inglese, corrisponde alla ripetizione di un determinato comando, posto dopo end.

Esempio:

loop 1
keys ciao
end
restart


Abbiamo così creato un piccolo BOT che avrà la funzione di scrivere la parola "ciao" all'infinito. Utile per creare dei SpamBot o per creare un messaggio per comunicare che siete assenti o per allontanare le persone che vi infastidiscono

La prima parte della guida termina qui. Alla prossima!


Si ringrazia del contributo Christian Messina.

Ho scritto e condiviso questo articolo su WORCOM, fallo anche tu. Invia ora un nuovo articolo!
Autore: Antonio Liggieri
Esperto di computer e in sicurezza informatica, webmaster, webdesigner, webdeveloper e webmarketer. Sono il fondatore di WORCOM. Amo l'informatica, le arti marziali e il bodybuilding.


Ho anche scritto:

Link sponsorizzati