I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [ Leggi dettagli ]

Link sponsorizzati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nella guida vedremo come creare, configurare un relay Tor e come navigare in anonimo su Debian e derivati (Ubuntu, ...).


Tor
(acronimo di The Onion Router) è un sistema di comunicazione anonima per Internet basato sulla seconda generazione del protocollo di onion routing.
Tor è disponibile per Windows, Mac OS X e diversi sistemi operativi unix-like, è software libero e si basa sulla licenza BSD.

Vidalia, interfaccia di gestione di Tor, è disponibile per tutte le piattaforme supportate da QT, quindi esistono versioni per Windows, Mac OS X e Linux, e fornisce anche una configurazione di base. Visualizza inoltre varie informazioni sulla banda e sui nodi Tor, compresa una mappa con la loro collocazione geografica ed i percorsi creati.

Polipo è uno strumento polifunzionale (può servire come proxy HTTP, server proxy e web cache) consigliato per l’uso in network con un numero limitato di nodi o, per un solo computer: sviluppato da Juliusz Chroboczek, consta di un unico binario ed è direttamente configurabile via browser. Dialoga coi protocolli SOCKS4 e SOCKS5, perciò può essere associato ad altri prodotti simili – inclusi quelli citati in apertura – per incrementare la privacy nella navigazione internet.

La rete Tor è composta da volontari che donano la propria banda. Quante più persone possiedono un relay, tanto più veloce sarà la rete Tor. Se hai almeno 20 kilobyte/s sia up che down, aiuta anche tu la rete configurando il tuo software Tor come relay. Gestire un relay Tor è semplice e ci sono funzionalità molto comode, come il controllo della banda usata, exit policy che permettono di ridurre il rischio di lamentele ed abusi, ed il supporto per indirizzi IP dinamici.


Come configurare il SO all'uso della rete Tor e creare, configurare un relay Tor con Debian e derivati

Installa il PPA officiale di Tor per avere sempre l’ultima versione disponibile (se non vuoi, Tor & Co. sono disponibili di default nei Repository) quindi apri il terminale e digita:

sudo apt-add-repository ppa:ubun-tor/ppa

sudo apt-get update


Installa i software che occorrono:

sudo apt-get install vidalia tor polipo


Disabilita e ferma Tor e Polipo in modo da impedire l'avvio:

sudo update-rc.d polipo disable

sudo update-rc.d tor disable

sudo service tor stop

sudo service polipo stop


Adesso, configura Polipo in modo che sia associato con Tor:

sudo gedit /etc/polipo/config


Nel caso in cui non fosse installato il software gedit, dovrai installarlo lanciando il comando:

sudo apt-get install gedit


In questo modo, puoi lanciare il comando per aprire la pagina di configurazione con l'editor gedit: seleziona tutto e cancella il testo, poi scarica la configurazione base di Polipo, decomprimi, inserisci la chiave (www.worcom.it) e apri il file (config), copia tutto e incolla, quindi salva e chiudi l'editor di testo del file /etc/polipo/config. Bene, ora dovi solo aprire Vidalia cercandolo tra i programmi e, probabilmente, tenterà di connettersi dando errore; in ogni caso, fermate Tor se fosse in esecuzione come nella schermata:

Tor connesso

 
Recati in Impostazioni > Generale e configura come nell'immagine che segue:

Impostazioni generali

 
Quindi conferma la configurazione con Ok in basso a destra della finestra. Sei pronto a lanciare il tuo kit di anonimato premendo sul pulsante “Avvia Tor“. Ogni volta che vorrai attivare Tor+Polipo non dovrai far altro che accedere a Vidalia e connetterti.


Configurare un software o Sistema Operativo per usufruire della rete Tor

Adesso vediamo come configurare un programma o l’intero sistema per usufruire della rete anonima.

Mozilla Firefox

La stragrande maggioranza dei browser sono dotati della possibilità di configurare un proxy manualmente. Nel caso di Mozilla Firefox, basta andare nella sezione Avanzate e poi nella scheda Rete; recati nelle Impostazioni ... proxy e configuralo come nella schermata che segue:

Proxy Firefox


Google Chrome

Per Chrome installa l’estensione Proxy SwitchySharp, davvero molto utile. Ti apparirà un’icona in alto a destra: cliccala, entra nelle opzioni e crea un nuovo profilo come nella schermata che segue:

Proxy Chrome

 
Debian e Ubuntu da interfaccia grafica

Debian e Ubuntu sono ricchi di opzioni, tra le molte ci consentono di impostare un proxy globale per qualsiasi programma in base alla connessione corrente. Questa tecnica imposta l’utilizzo di Tor+Polipo a monte, togliendo la preoccupazione di impostare un proxy per ogni programma che vogliamo. Per impostare un proxy globale da Ubuntu, vai in Impostazioni di sistema > Rete > Proxy di Rete, mentre per impostare un proxy globale da Debian, vai in Applicazioni > Strumenti di sistema > Preferenze > Impostazioni di sistema > Rete > Proxy di rete, quindi imposta come nell’immagine che segue:

Proxy Ubuntu

 
Appena terminato di applicare l'ultima modifica non dimenticare di chiudere e riaprire il browser o il programma in uso, affinché i cambiamenti abbiano effetto. Come suggerimento finale, disattiva sempre il proxy di rete, sia nel caso l’abbiate impostato globalmente o a livello di programma, quando Vidalia non è in funzione. In caso contrario, non riuscirai ad accedere ad internet.


Configurare Tor come relay

A questo punto, il tuo sistema è configurato per sfruttare la rete Tor e quindi alla navigazione anonima. Per poter creare un relay Tor e diventare un volontario devi configurare Tor in maniera appropriata:

apri Vidalia, fai click su Configurazione del relaying, seleziona la voce Dona traffico alla rete Tor e recati nella prima scheda Impostazioni base (scegli un nickname da dare al tuo server, inserisci un email di contatto, imposta la porta 443 come porta relay, seleziona le due caselle, inserisci la porta 9030 come directory port e fai click sul tasto Test per verificare che tutto funzioni), passa alla scheda successiva Limiti di banda (scegli quanta banda donare agli utenti Tor come te, se non hai particolari esigenze, puoi lasciare invariato), concludi passando alla scheda finale Exit policies (se vuoi permettere agli altri di usare il tuo relay per i servizi selezionati, non cambiare nulla; in caso contrario deseleziona i servizi che non vuoi che la gente raggiunga dal tuo relay; se vuoi essere un relay intermedio, deseleziona tutti i servizi.) e conferma la configurazione facendo click sul tasto Ok.


Test funzionamento

Eccoci arrivati al test di funzionamento della nostra rete anonima e del nostro relay Tor:

  • Per verificare che la navigazione sia anonima, basta recarsi nella pagina web Si sta usando Tor?.
  • Invece, per accertarti che il relay funzioni, verifica che le porte siano raggiungibili dall'esterno e controlla che alla fine del log ci sia la riga Self-testing indicates your ORPort is reachable from the outside. Excellent.
Ho scritto e condiviso questo articolo su WORCOM, fallo anche tu. Invia ora un nuovo articolo!
Autore: Antonio Liggieri
Esperto di computer e in sicurezza informatica, webmaster, webdesigner, webdeveloper e webmarketer. Sono il fondatore di WORCOM. Amo l'informatica, le arti marziali e il bodybuilding.


Ho anche scritto:

Link sponsorizzati