I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [ Leggi dettagli ]

Link sponsorizzati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Facebook comunica la disponibilità di un nuovo indirizzo accessibile dalla rete anonima. Un sistema per eludere le interdizioni e le censure di certi regimi

Facebook Tor 


Lo staff del famoso social network ha comunicato il 31 ottobre 2014 che sarà possibile accedere utilizzando un browser che sfrutta il sistema di comunicazione anonima per internet basato sul protocollo di onion routing. Un sistema per mascherarsi e così tutelare la propria identità su Facebook anche se l'inserimento dei dati personali reali resta un dovere per tutti gli utenti.

I "naviganti" che utilizzano Tor (acronimo di The Onion Router) oppure il Tor Browser (sviluppato modificando Firefox) possono ora accedere al sito tramite l'indirizzo https://facebookcorewwwi.onion/, riuscendo così a nascondere la propria identità e località di accesso senza rischiare di incorrere alla censura. Infatti, tentare di usare Tor per entrare a Facebook dall' indirizzo principale, e ben noto a chiunque, viene identificato come un accesso avverso, ma il social network è anche consapevole del fatto che ci siano casi in cui chi si connette tramite la rete anonima lo fa per difendere la propria segretezza o per superare le censure imposte dalle autorità di provenienza.

Il social network dichiara inoltre, che il nuovo indirizzo web, raggiungibile solo dalla rete Tor, assicurerà il rispetto per tali impieghi legittimi senza inquietare inutilmente i sistemi di sicurezza di Facebook, ed è una possibilità di accesso aggiuntiva a quella standard che segue le comunicazioni HTTPS, Perfect Forward Secrecy (PFS) e HSTS già implementate in antecedenza.
Quel che la società statunitense non sottolinea è il beneficio del nuovo url Tor per gli utenti che vivono in località senza divieti di accesso a Facebook, specialmente in considerazione del fatto che, Tor o non Tor, il servizio di rete sociale ha dichirato più volte che, per l'utilizzo del servizio, è obbligatorio dichiarare la reale identità
.

Ho scritto e condiviso questo articolo su WORCOM, fallo anche tu. Invia ora un nuovo articolo!
Autore: Antonio Liggieri
Esperto di computer e in sicurezza informatica, webmaster, webdesigner, webdeveloper e webmarketer. Sono il fondatore di WORCOM. Amo l'informatica, le arti marziali e il bodybuilding.


Ho anche scritto:

Link sponsorizzati