I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo sito. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. [ Leggi dettagli ]

Link sponsorizzati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

La SIM standard, la Micro-SIM e la Nano-SIM

 

Curiosità


La Micro-SIM è una particolare versione della smart card SIM, cioè il modulo di identità dell'abbonato, necessario per fruire di tutti i servizi messi a disposizione dall'operatore di telefonia mobile (traffico voce, trasmissione dati, ecc).

Rimangono perciò invariati tutti gli aspetti tecnici.

L'unica differenza rispetto alla SIM in formato plug-in è il form factor del sostegno in plastica del circuito (stabilito dall'ETSI nel 2003), che misura 15×12 mm; con mantenimento del taglio di un angolo al fine di evitare errori di inserimento nel dispositivo.

Da ciò si evince che questo formato è destinato ad apparecchi di dimensione particolarmente compatta.

Questa versione di sim card è stata utilizzata per alcuni anni dall'operatore mobile 3 Italia, che vendeva telefoni cellulari (ad esempio l'LG U880) con slot per Micro-SIM al fine di impedire l'utilizzo di Sim di altri operatori (l'operazione richiedeva comunque lo sblocco abusivo del software del telefono).

Attualmente è utilizzata nelle versioni 3G dell'iPad, iPhone 4, nell'iPhone 4s, nel Motorola Razr, in alcuni smartphone Nokia, quali il Nokia N9, Il Nokia 603, il Nokia Lumia 800, il Lumia 710, il Lumia 900 e il Lumia 610, nei Sony Xperia S e Xperia P, in alcuni prodotti di HTC (HTC One S e HTC One X) e nel Samsung Galaxy S3.

L'adozione di questa tecnologia, ha permesso di recuperare spazio per l'inserimento di altri componenti elettronici, che consentono il miglioramento delle caratteristiche dell'apparecchio.

Alcune soluzioni "fai da te" permettono di utilizzare le comuni Sim anche in dispositivi predisposti per le Micro-SIM: resta tuttavia un'operazione che, se effettuata senza le dovute accortezze, può distruggere il supporto fisico del chip presente sulla Sim.

Dal maggio 2011, Apple e l'operatore France Telecom hanno studiato un nuovo formato di SIM ancora più piccolo, la nano-sim. Anche Nokia, appoggiata da Motorola e RIM, ha proposto un proprio formato di nano-sim ma è stato scelto il modello di Apple per via di alcuni brevetti concessi gratuitamente agli sviluppatori, sebbene il formato di Nokia fosse più pratico in quanto non necessitava di adattatori aggiuntivi.


 

Dai cenni su menzionati, vien spontaneo pensare:

E' possibile ricavare una Micro-SIM oppure una Nano-SIM dall' attuale formato della SIM telefonica?

E' possibile, ma solo per trasformarla in Micro-SIM.

 

Niente da fare per la Nano-SIM

SIM

SIM, MicroSIM, NanoSIM

La Nano-SIM come spiega lo stesso produttore, sono spesse il 15% in meno rispetto alle Micro SIM. Quindi, anche tagliandole, una Micro SIM o una SIM standard non potranno mai entrare nello slot dei dispositivi che l' adottano.

"Come sicuramente saprete alcune persone hanno abbattuto un “convenzionale” SIM (2FF) in una MicroSIM (3FF) con un coltello o con un paio di forbici. A volte ha funzionato, a volte no. Motivo che questo metodo funzionava era che la 2FF e la carta SIM 3FF hanno lo stesso spessore. Lo spessore del Nano-SIM è ridotto di circa il 15 % – per cui è spontaneo pensare che una riduzione solo per le dimensioni non funziona."

 

Qualcuno potrà decidere di ricorrere alla carta vetrata per rendere più sottile la Micro SIM, ma ottenere il risultato sperato (visti i pochi mm in gioco) non sarà facile!

 

Come trasformare la SIM standard in MicroSIM

Le alternative sono due, potete acquistare una MicroSIM nuova di zecca, sostituendo quella vecchia da un rivenditore del vostro gestore, oppure apportare direttamente le modifiche alla SIM attuale.

 

"FAI DA TE"

E' possibile, attraverso un paio di tagli manuali, ottenere direttamente la MicroSIM da inserire nel proprio dispositivo. Prima di tutto è importante sapere, come su menzionato, che le dimensioni di una Micro-SIM sono 15×12 millimetri, quindi con un pennarello occorre segnare i bordi sulla vostra SIM (possibile aiutarsi, come nel video, con un "Adattatore per Micro SIM"),

 

MicroSIMAdattatore Micro-SIM e Micro-SIM

 

e facendo attenzione a non tagliare il Chip, tagliare la scheda telefonica.

 

Riporto un ottimo video che illustra come eseguire i tagli sulla propria SIM per ottenere una MicroSIM:

 

e facendo attenzione a non tagliare il Chip, tagliare la scheda telefonica.

Ho scritto e condiviso questo articolo su WORCOM, fallo anche tu. Invia ora un nuovo articolo!
Autore: Antonio Liggieri
Esperto di computer e in sicurezza informatica, webmaster, webdesigner, webdeveloper e webmarketer. Sono il fondatore di WORCOM. Amo l'informatica, le arti marziali e il bodybuilding.


Ho anche scritto:

Link sponsorizzati